La geopolitica come competenza per gestire il futuro

Geopolitica

Saper gestire il rischio, anche quello geopolitico, deve diventare una priorità non solo per le grandi aziende, ma pure per le Piccole e medie imprese (PMI) e, nello specifico, per l’industria manifatturiera italiana. Lo dimostra l’attuale situazione socio-economica che, di fatto, ha colto impreparate la maggior parte delle organizzazioni del nostro Paese. Eppure, il fatto che ci fossero tensioni tra Ucraina e Russia era risaputo, come ha ricordato Paolo Quercia, Direttore di Geotrade, Direttore Scientifico di Centro Studi Awos e Docente di Studi Strategici all’Università di Perugia, in occasione del convegno virtuale Fare e gestire imprese verso un’economia di guerra organizzato dalla casa editrice ESTE, editore anche del nostro web magazine.Nonostante la situazione di rischio, dal 2014 – anno dell’invasione russa della Crimea e della guerra nel Donbass – a oggi l’Europa ha aumentato la dipendenza energetica dalla Russia, senza mettere in sicurezza le sue produzioni”, ha sottolineato l’esperto.  

Il conflitto si traduce in difficoltà e limiti operativi, poiché l’Unione europea ha reagito all’invasione dell’Ucraina mettendo a punto un pacchetto di sanzioni economiche ai danni di Mosca, i cui effetti si ripercuotono, inevitabilmente, anche sull’Italia e sulle imprese manifatturiere che hanno relazioni di business con la Russia. Queste misure però – ricorda Quercia – sono settoriali e lasciano tuttavia la possibilità alle aziende di continuare a lavorare in partnership con i russi: “Bisogna però sapere come farlo, avere la capacità di muoversi in un ambiente di guerra. Ricordiamo che le misure economiche sono temporanee e possono essere compatibili con una sopravvivenza di business in tempi di crisi. Sono strumenti ‘potenti’, devono essere conosciuti e gli imprenditori ci si devono confrontare: non è possibile ignorare quanto accade fuori dal proprio perimetro, la cultura di impresa deve allargarsi anche a temi extra aziendali”. 

Alle aziende servono esperti di geopolitica 

Proprio la cultura d’impresa e la conoscenza sono gli strumenti su cui, secondo Quercia, le imprese dovrebbero puntare per reagire alla situazione contingente e per non farsi più cogliere impreparate in futuro. “Ritengo che le aziende dovrebbero dotarsi di figure pronte sugli scenari politico-strategici, che possano allertare gli imprenditori e supportarli nel mettere a punto piani di uscita in caso di pericolo; persone capaci di gestire crisi e conseguenze delle guerre, e che sappiano operare nel contesto delle sanzioni e inquadrare la politica commerciale all’interno dello scenario geopolitico”, è la tesi dell’esperto.  

Competenze di questo tipo sono utili anche per affrontare la fine della globalizzazione per come l’abbiamo intesa fino a oggi: “Le imprese negli ultimi decenni hanno pensato che questa era avesse messo fine alla geopolitica e ai rapporti di potenza: il mondo era un grande mercato in cui fare business, ma ora non sarà più così”, ha spiegato Quercia.  

La prospettiva è quella di avere aree geografiche ed economiche separate tra loro: le aziende potranno scegliere in quali regioni operare, senza però attraversare i confini a loro piacimento. La globalizzazione, per come la conoscevamo, sta tramontando e stiamo andando incontro a una nuova epoca, fatta di delimitazioni precise, sia militari sia finanziarie, e di Supply chain. 

Economia di guerra, este, Geotrade, globalizzazione, Paolo Quercia

FabbricaFuturo è il progetto di comunicazione rivolto a tutti gli attori del mercato manifatturiero (responsabili delle direzioni tecniche, imprenditori e direzione generale, responsabili organizzazione e HR) che ha l’obiettivo di mettere a confronto le idee, raccontare casi di eccellenza e proporre soluzioni concrete per l’azienda manifatturiera di domani.

Nasce nel 2012 dalla rivista Sistemi&Impresa come reazione alla crisi finanziaria del 2011. Negli anni il progetto è cresciuto significativamente, parallelamente alla definizione di politiche pubbliche in ambito industria 4.0 (Piano Calenda e successivi).
Oggi FabbricaFuturo affronta i temi legati al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), per offrire alle aziende gli strumenti per affrontare le sfide nella fabbrica di domani.

Contatti

ESTE – Edizioni Scientifiche Tecniche Europee Srl

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
P.IVA: 00729910158
TEL: 02 91 43 44 00

Per informazioni commerciali:
commerciale@este.it
Cookie Policy | Privacy Policy

Iscriviti alla Newsletter