Aziende europee più lente nella corsa verso l’innovazione tecnologica

Tags: David Mills, Economist Intelligence Unit, Ricoh Europe, The Challenge of Speed

09/05/2014 – Una nuova ricerca effettuata dall’Economist Intelligence Unit e sponsorizzata da Ricoh Europe evidenzia come le aziende europee, di fronte alla rapida trasformazione culturale e tecnologica, abbiano valutato con troppo ottimismo la loro capacità di adeguarsi al cambiamento.
I dirigenti sono molto più inclini a paragonare la propria azienda a un motoscafo (48%) che non a un carro armato (17%), mentre pensano che la concorrenza sia esattamente l’opposto. Il 92% sostiene che la velocità sia parte della propria cultura. Tre quarti degli intervistati ritengono tuttavia che la propria azienda non riesce a innovare con la velocità necessaria e solo il 24% può già trarre vantaggio dalle nuove opportunità o rispondere con efficacia a cambiamenti inattesi.
Lo scenario internazionale in rapida evoluzione vede un mondo del lavoro profondamente cambiato. Dipendenti più smart, con una rivoluzione tecnologica alle spalle, e dinamiche aziendali che possono rendere sostenibile il cambiamento. Lo studio invita a non sottovalutare il problema e cita a questo proposito un recente report del World Economic Forum per incentivare la competitività economica. Il rapporto, che analizza diversi fattori, sottolinea come in genere tutti i Paesi europei “arranchino dietro a Stati Uniti, Giappone e Canada nello sviluppo di un modello economico più efficace”.
Il nuovo studio The Challenge of Speed mostra che le aziende europee più reattive eccellono in tre aree principali: innovazione di prodotti e servizi, adozione di nuove tecnologie e trasformazione dei processi aziendali. È importante notare come poche aziende abbiano tutti e tre i requisiti, che sono invece interconnessi. Solo un terzo (29%) delle imprese può riorganizzare rapidamente i propri processi a supporto del cambiamento. Inoltre, nelle aziende più reattive, le iniziative più funzionali alla trasformazione sono promosse da manager o responsabili di dipartimento piuttosto che da executive C-level. Alcune realtà in cui il cambiamento è partito da executive C-level sembrano muoversi con maggiore difficoltà rispetto alla concorrenza. In queste aziende è più probabile (53% del campione) che si senta la necessità di essere più reattivi nei prossimi tre anni, mentre la stessa necessità è avvertita solo nel 27% dei casi in cui la spinta innovativa è partita dai responsabili di dipartimento.

Innovazione, ottimizzazione processi, coinvolgimento del personale
Alla luce di questi cambiamenti David Mills, Chief Operating Officer di Ricoh Europe, ha dichiarato che molti dirigenti non riescono a capire quale sia la chiave vincente della trasformazione perché sono pressati dall’urgenza e dalla complessità che avvertono nel passare da modalità operative tradizionali a modalità basate sulla digitalizzazione. Come dimostra la recente ricerca, si può trarre vantaggio da un rapido cambiamento solo

David Mills, Chief Operating Officer Ricoh Europe

David Mills, Chief Operating Officer Ricoh Europe

se si agisce contemporaneamente su tre livelli: innovazione, ottimizzazione dei processi aziendali e coinvolgimento del personale. Gli executive C-level hanno inoltre poco tempo a disposizione, per cui delegano le responsabilità di velocizzare i processi e sviluppare iniziative di maggior successo.
È anche possibile che il cambiamento venga rallentato da resistenze e colli di bottiglia all’interno delle aziende europee. Il principale ostacolo è rappresentato dall’incapacità di interconnettere le piattaforme tecnologiche. Ciò può generare silos di informazioni ed impedire al management di vedere i cambiamenti in azienda in maniera integrata. Il secondo grande ostacolo è di tipo culturale. I dirigenti sottolineano come sia difficile rendere coerente e integrato l’atteggiamento con cui i dipendenti e le business unit si rapportano alle innovazioni, e solo uno su dieci ritiene che vi sia chiarezza d’intenti tra management e dipendenti. Si profila un ‘attrito culturale’ tra dipendenti – tra la generazione Y digitale e i suoi responsabili dalla mentalità più tradizionale – con spinte al cambiamento che vanno in direzioni differenti. I processi burocratici complicano la situazione: solo il 36% degli intervistati ritiene che la propria azienda sappia rinunciare a processi di approvazione e controllo che potrebbero essere evitati a favore di una maggiore reattività.
“Il ritmo incessante con cui la tecnologia sta rivoluzionando i mercati e riconfigurando i rapporti con i clienti impone snellezza organizzativa” suggerisce David Mills. “Le realtà più reattive, oltre a introdurre con entusiasmo ed efficienza le nuove tecnologie, sono anche in grado di promuovere processi aziendali per sostenere l’innovazione e coinvolgere tutto il personale nella nuova sfida”.

Per altri approfondimenti visitare:
www.ricoh.it/thoughtleadership
www.ricoh.it

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.