Trasformazione digitale e valori ESG, uno sviluppo sostenibile è possibile

Le aziende di ogni dimensione e settore stanno vivendo una profonda fase di trasformazione: spesso si racconta quella legata alla digitalizzazione e si dà evidenza, in particolare, alle tecnologie e al loro potenziale. Meno spazio, invece, si dedica alla sostenibilità, che ormai è alla base di ogni processo produttivo in coerenza con le linee guida Environmental, social and governance (ESG). Eppure, le aziende italiane hanno raggiunto ormai una maturità in merito a questi temi: “Le imprese dimostrano di aver acquisito la terminologia legata ai criteri ESG e di conoscere tutti gli aspetti che questi includono”, dicono Federica Acerbi e Marco Spaltini, PhD Politecnico di Milano, Department of Management, Economics e Industrial Engineering, Manufacturing Group.

Secondo il questionario che Sistemi&Impresa ha elaborato in collaborazione con i ricercatori del Manufacturing Group del Politecnico di Milano, per indagare la percezione che le imprese hanno sui benefici che ottiene chi rispetta i criteri ESG, emerge che le aziende hanno compreso come le azioni positive e la trasparenza aiutino a proteggere la valutazione aziendale nel tempo (66% delle realtà coinvolte) e che queste non siano solo un modo per migliorarla agli occhi dei consumatori e degli investitori. In quanto alla tecnologia, si evidenzia come il 4.0 sia ritenuto una leva di sostenibilità, strettamente correlata agli aspetti sociali: “Il digitale è un abilitatore che riguarda sia il supporto all’operatore sia il processo decisionale di alto livello e contribuisce anche alla riduzione degli sprechi e all’ottimizzazione delle risorse”, confermano Acerbi e Spaltini.

Tanto che il 37% delle aziende che hanno risposto al sondaggio della nostra rivista ha già investito in questa direzione e il 55% sta valutando di farlo nel prossimo futuro. “Molte imprese intraprendono la strada verso una maggiore sostenibilità, spinte dalla volontà di migliorare e allo stesso tempo di ridurre i costi, acquisire competitività grazie al digitale e alle tecnologie”, ribadiscono gli esperti.

È intanto chiaro a tutti che il mercato sta maturando, la transizione digitale e quella ecologica sono mondi sempre più correlati tra loro e c’è la consapevolezza e la volontà di abbracciare il cambiamento. Non a caso, il 55% delle imprese ritiene che sostenibilità ambientale e aspetti sociali e di governance abbiano uguale importanza e saranno premiati a fronte di un incremento di competitività e di una crescita delle aziende.

L’inchiesta è pubblicata sul numero di Aprile-Maggio 2022 di Sistemi&Impresa.
Per informazioni sull’acquisto di copie e abbonamenti scrivi a daniela.bobbiese@este.it (tel. 02.91434400)

ESG, inchiesta, sistemi&impresa, sostenibilità

FabbricaFuturo è il progetto di comunicazione rivolto a tutti gli attori del mercato manifatturiero (responsabili delle direzioni tecniche, imprenditori e direzione generale, responsabili organizzazione e HR) che ha l’obiettivo di mettere a confronto le idee, raccontare casi di eccellenza e proporre soluzioni concrete per l’azienda manifatturiera di domani.

Nasce nel 2012 dalla rivista Sistemi&Impresa come reazione alla crisi finanziaria del 2011. Negli anni il progetto è cresciuto significativamente, parallelamente alla definizione di politiche pubbliche in ambito industria 4.0 (Piano Calenda e successivi).
Oggi FabbricaFuturo affronta i temi legati al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), per offrire alle aziende gli strumenti per affrontare le sfide nella fabbrica di domani.

Contatti

ESTE – Edizioni Scientifiche Tecniche Europee Srl

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
P.IVA: 00729910158
TEL: 02 91 43 44 00

Per informazioni commerciali:
commerciale@este.it
Cookie Policy | Privacy Policy

Iscriviti alla Newsletter