Il Byod: da criticità a opportunità

Tags: byod, case history, Paolo Ballabene, tecnologie, TNT Express

TNT Express schedaIn TNT Express Italy, società del gruppo TNT Express N.V, tra i leader mondiali nei servizi di trasporto espresso, sono circa 150 i dipendenti che sfruttano i benefici del paradigma Byod.
La forza commerciale utilizza il notebook. L’anno prossimo saranno rimpiazzati tutti i device con quelli che chiamano ‘think client’: si tratta di dispositivi mobili che possono fungere sia da laptop sia da tablet.
“Il Byod – dice il Responsabile dei Sistemi Informativi, Paolo Ballabene – non deve essere considerato una policy stringente ma un’opportunità”. È per questo che in TNT i commerciali ‘junior’ utilizzano i device personali per lavorare. Secondo Ballabene il Byod non nasce in azienda perché le organizzazioni non sono in grado di garantire un livello adeguato di tecnologia allineato con i requisiti tipici del mercato consumer. “Tutto questo è falso. Non è vero che l’utente dispone di tecnologie migliori a casa sua. La maggior parte delle volte la risposta all’adozione di una tecnologia rispetto a un’altra dipende solo da esigenze di tipo organizzativo. Noi abbiamo affiancato il Byod alle tecnologie aziendali”.
Con il collegamento Wi-Fi i dipendenti sono in grado di accedere a tutto il sistema informatico.

Paolo Ballabene, Responsabile Sistemi Informativi TNT

Paolo Ballabene, Responsabile Sistemi Informativi TNT

La produttività ha subìto così un’impennata. “Ormai vediamo solo dipendenti che si collegano alla rete aziendale con iPad utilizzando sempre meno il Pc aziendale” commenta il Responsabile dei Sistemi Informativi. L’attenzione alla sicurezza diventa la leva principale per la governance del Byod. TNT ha adottato così una policy che prevede la libera cancellazione dei dati aziendali contenuti nel dispositivo mobile personale da parte della direzione It in caso il device sia perduto, rubato, o nel caso il dipendente abbandoni l’organizzazione.
La piattaforma android è stata adottata di recente. “Stiamo monitorando attentamente queste nuove soluzioni. Ci siamo presi 3 mesi per fare i ‘penetration test’. Per il rilascio dei tablet sono stati effettuati collaudi con Fujitsu e Apple sull’utilizzo del touch screen, sulla durata della batteria e sulle perfomance in ambito sales e operativo. In quest’ultimo il tablet Fujitsu si è rivelato un tool molto flessibile nella gestione delle linee notturne” spiega Ballabene. In agenda la direzione sistemi informativi di TNT prevede a breve lo sviluppo di cinque App per i commerciali. Nel 2013 parte del budget sarà dedicata allo sviluppo dell’Application Management, nonché al passaggio a un piattaforma di public cloud volta ad abbattere i costi e aumentare il fatturato. “È un passo fondamentale che richiede un impegno dei partner al nostro fianco in questo viaggio”.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.