Senza informazione non c’è prodotto

Tags: acquisti, articolo, case history, ciclo di vita, erp, Infor, Paul Hoogenboom, plm, Progettazione, RPM International, tecnologie

RPM International - schedaArmonizzare il flusso di informazioni tra diversi enti aziendali o tra aziende dello stesso gruppo è fondamentale.
Una soluzione per la gestione del ciclo di vita di un prodotto deve prendersi carico di questo ‘ingrato’ compito.
Ne abbiamo parlato con RPM International, gruppo che conta aziende leader a livello mondiale nella produzione di coperture edilizie, pavimentazioni, rivestimenti anticorrosivi, prodotti chimici, sia per il settore industriale sia privato. Possiede oltre 30 business unit che operano indipendentemente, inclusi brand conosciuti quali Bondo e Rust-Oleum. RPM aveva bisogno di un’applicazione che migliorasse le operazioni d’acquisto, poiché ogni business unit utilizzava spesso materiali e fornitori simili nello sviluppo dei prodotti.

“La nostra problematica principale era riuscire a identificare materiali identici impiegati nelle diverse realtà aziendali. Si era reso necessario un sistema che comprendesse le caratteristiche dei materiali per l’industria chimica. Utilizzavamo già Infor come sistema PLM e di sviluppo e abbiamo compreso che era l’unica soluzione in grado di rispondere a questa nostra specifica esigenza”, dichiara Paul Hoogenboom, CIO e VP operations, RPM.
L’azienda aveva bisogno di una soluzione per la gestione del Product Lifecycle Management che potesse operare su tutte le business unit, senza sostituire o reimplementare i diversi ERP in uso. Il sistema doveva consolidare informazioni relative a materie prime, packaging e componenti da tutti i sistemi ERP in un unico formato e fornirne correlazioni chimiche e funzionali.

Linea di prodotti RPM International

Linea di prodotti RPM International

Grazie all’implementazione di Infor Optiva, RPM è oggi in grado di consolidare un più vasto portafoglio di materiali e attraverso parametri di ricerca, tool di analisi e processi di business automatizzati, riconoscere materiali e fornitori simili. Una volta identificati vengono effettuate analisi per valutare se, ad esempio, una eventuale sostituzione risponde alle specifiche del prodotto, consentendo di ridurre i costi.

“Infor Optiva permette di gestire la maggior parte dei materiali acquistati annualmente e la quantità, ancora maggiore, di dettagli su quelli in fase sperimentale. L’applicazione risulta inoltre fondamentale per incrementare i profitti”, continua Hoogenboom. Infor Optiva ha permesso di consolidare dati, identificare gli elementi e iniziare il processo di ottimizzazione. L’implementazione ha consentito di definire sette nuove best practice impiegate in ogni divisione e di semplificare l’utilizzo di nuovi materiali e di nuovi processi di certificazione degli stabilimenti. RPM dispone ora di un’unica panoramica sulle materie prime impiegate in tutto il gruppo. Questo fornisce all’azienda migliori livelli di efficienza che si traducono in risparmi e ottimizzazione delle tempistiche in ogni business unit, attraverso analisi e acquisizioni semplificate dei materiali. “L’applicazione ci fornisce una visibilità e un controllo completi su tutte le materie prime, in tutti i processi manifatturieri, consentendoci di ridurre i costi” commenta Hoogenboom.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.