Il digitale nel finance. Le soluzioni di Noovle

Tags: digitale finance, noovle, piergiorgio de campo

Il Presidente Piergiorgio De Campo spiega come la società è in grado di soddisfare le esigenze di banche e assicurazioni

“Siamo dei solution provider, in grado di fornire delle soluzioni per lo sviluppo del business, ci caratterizziamo per avere un approccio Agile e soprattutto high tech, cioè soluzioni tecnologiche orientate principalmente al mondo cloud”, esordisce Piergiorgio De Campo, Presidente di Noovle, società nata nel giugno 2013 dalla fusione di Glabal Base e Scube NewMedia, entrambi partner di Google for Work, durante un evento dedicato al settore finance.

Le soluzioni Noovle per il settore finance


La trasformazione digitale ha modificato profondamente le relazioni del mondo finance con i clienti e le modalità di fruizione dei servizi. “Internet, il mobile banking, i self service evoluti, i call center e i social media hanno gradualmente sostituito i canali tradizionali mutando i comportamenti di consumo e di condivisione delle informazioni di cittadini e utenti per i quali i tradizionali modelli di servizio spesso non appaiono più adeguati. Le attuali variabili strategiche per il settore Finance sono Multicanalità e Digitalizzazione sia in quanto leve di razionalizzazione e innovazione dei processi, sia come strumenti per ripensare i servizi e alimentare l’engagement e le relazioni con i clienti”, afferma De Campo.
Secondo Noovle ci sono due trend su cui le banche stanno concentrando le loro priorità: il primo risiede nella centralità dell’utente come elemento dinamico attorno al quale ruota il nuovo concetto di organizzazione; il secondo sta nella capacità di sfruttare al meglio le eccezionali opportunità offerte dai Big Data. In base a queste considerazioni Noovle ha costruito delle soluzioni che, partendodai bisogni specifici di banche e assicurazioni, promuovono l’adozione di nuovi modelli di business non più Technology Enabled, ma Technology Driven e nuovi processi organizzativi che pongono al centro il nuovo utente ‘ibrido’ e ‘multicanale’, in grado di utilizzare strumenti in mobilità e con l’esigenza di richiedere servizi ‘anytime, anyway, anywhere’.
“Analizzando i Big Data possono essere predisposti nuovi modelli che sfruttano il web incrociando i dati raccolti dai social network e dai navigation system per fornire servizi flessibili, personalizzati e corrispondenti alle reali necessità degli utenti. Inoltre è possibile fare analisi e correlazioni sia nel caso di informazioni strutturate che non strutturate (es. contenuti e-mail, commenti su social network contenenti hashtag, dati di geolocalizzazione), in real time o near real time, e sviluppare previsioni sulla base di avanzati modelli previsionali. La pervasività della tecnologia consente di recuperare dati da molteplici sorgenti e fornire informazioni aggregate in maniera tempestiva”, precisa il Presidente di Noovle.

I vantaggi possibili


Il vantaggio di affidarsi ad una società come Noovle coincide con i benefici derivanti dallo sviluppo del nuovo ciclo di innovazione, sostiene la società: cloud, social, mobile e Big Data sono i concetti chiave alla base delle strategie digitali dei prossimi anni. “Gli istituti finanziari e le Assicurazioni hanno la necessità di orientarsi verso un approccio sempre più digitale attraverso l’adozione di piattaforme evolute che permettono di gestire, archiviare e proteggere il patrimonio informativo aziendale, rendendo le informazionisempre accessibili e condivisibili per facilitare l’ottimizzazione dei processi e creare vantaggi economici e di gestione di lunga durata”, dice De Campo, che prosegue: “Inoltre, attraverso la pervasività della tecnologia, è possibile recuperare dati da molteplici sorgenti e fornire informazioni aggregate in maniera tempestiva: diventa così possibile tracciare le attività anomale in real time per prevenire potenziali attacchi alla sicurezza o frodi, creare contenuti specifici in base al comportamento dei clienti e non solo in base alla tradizionale segmentazione demografica, valutare il grado di soddisfazione dei clienti, analizzare in real-time i commenti sui social media e verificare le recensioni sui siti”.

I dati in cloud


Molte aziende sono restie a mettere i propri dati in cloud, ma “i servizi Noovle consentono di sfruttare l’architettura Google per la distribuzione di informazioni e la creazione di applicazioni fortemente integrate e sicure”, tranquillizza De Campo.
Noovle, oltretutto, ha integrato una piattaforma che permette di sviluppare applicazioni che sfruttano contemporaneamente piattaforme cloud con sistemi on-premise e legacy e offrono la possibilità di costruire un’architettura in grado di rispondere alle diverse esigenze di compliance, sicurezza e usabilità.

www.noovle.it

 

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.