Spesometro, commercialisti in protesta: il comunicato del Codis

| Redazione |

I commercialisti si mobilitano contro la complessità del sistema fiscale italiano. Il Coordinamento degli ordini dei commercialisti dell’Italia settentrionale (Codis) ha lanciato la protesta contro lo Spesometro attraverso un comunicato che pubblichiamo.

“Come volevasi dimostrare, se a dicembre 2016 i commercialisti si erano mobilitati contro provvedimenti legislativi che millantavano semplificazioni, mentre invece introducevano a carico del mondo produttivo nuove comunicazioni telematiche trimestrali dei dati Iva come delle fatture e dei corrispettivi, una buona ragione l’avevano, ben consci che il costo sarebbe stato di gran lunga superiore al beneficio!!
Anche gli appelli sull’assurda complessità della nuova procedura informatica voluta dall’Amministrazione finanziaria per gestire una massa di dati senza precedenti, sono rimasti incautamente inascoltati.

La cronaca di questi giorni sullo Spesometro è solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso, ed è la dimostrazione che i commercialisti avevano ampiamente ragione: la complessità del sistema fiscale è tale che nemmeno la stessa Amministrazione finanziaria è ora in grado di governarlo.

I commercialisti, con il mondo produttivo, rivendicano con forza il diritto di essere e di sentirsi rispettati: è giunto il momento di dire basta; è necessaria una vera svolta!

I commercialisti, per indole professionale, affrontano i problemi e propongono soluzioni. Come sempre non si stancheranno di proporre e di accettare soluzioni che siano rispettose del lavoro e della dignità di chi opera, per raggiungere davvero una vera semplificazione nell’interesse del Paese e dei nostri territori“.

Share on FacebookShare on TwitterShare on LinkedinShare on Pinterest

FabbricaFuturo è il progetto di comunicazione rivolto a tutti gli attori del mercato manifatturiero (responsabili delle direzioni tecniche, imprenditori e direzione generale, responsabili organizzazione e HR) che ha l’obiettivo di mettere a confronto le idee, raccontare casi di eccellenza e proporre soluzioni concrete per l’azienda manifatturiera di domani.

Nasce nel 2012 dalla rivista Sistemi&Impresa come reazione alla crisi finanziaria del 2011. Negli anni il progetto è cresciuto significativamente, parallelamente alla definizione di politiche pubbliche in ambito industria 4.0 (Piano Calenda e successivi).
Oggi FabbricaFuturo affronta i temi legati al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), per offrire alle aziende gli strumenti per affrontare le sfide nella fabbrica di domani.

Contatti

ESTE – Edizioni Scientifiche Tecniche Europee Srl

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
P.IVA: 00729910158
TEL: 02 91 43 44 00

Per informazioni commerciali:
commerciale@este.it
Cookie Policy | Privacy Policy

Iscriviti alla Newsletter