InfoCert, Firma Digitale Georeferenziata certifica il luogo di sottoscrizione

Tags: Firma Digitale Georeferenziata, infocert, Tecnoinvestimenti

La Firma Digitale Georeferenziata per certificare il luogo in cui il documento digitale è stato firmato. L’innovazione è di InfoCert, società del gruppo Tecnoinvestimenti Spa  e Certification Authority leader del mercato italiano nei servizi di digitalizzazione e dematerializzazione. Oggi, quindi, oltre ad avere certezza di chi sottoscrive un documento (Firma Digitale), di quando l’operazione viene compiuta (Marca temporale) e del contenuto del documento sottoscritto e spedito (Firma Digitale e PEC), si risolve anche l’ultimo tassello sui luogo di firma del documento. È una novità assoluta e ancor più rilevante se si pensa che i documenti digitali non comprendono solo i file di testo, ma anche foto, video, audio e così via. Questa innovazione frutto della intensa attività di R&D di InfoCert ha portato al rilascio di un brevetto sulla soluzione tecnologica e sui controlli per certificare il riferimento geografico.

La soluzione si basa su un’app che può essere scaricata e installata dall’utente sul proprio smartphone o tablet ed è protetta da specifico brevetto, risultato delle attività di Ricerca e Sviluppo che InfoCert conduce costantemente per consolidare la propria leadership nel Digital Transformation Management.
I dati relativi al segnale GPS prodotti dalle app più comunemente usate – per esempio per compiere un percorso o districarci nel traffico – non hanno, infatti, alcuna caratteristica di immodificabilità e opponibilità a terzi. La soluzione InfoCert, invece, calcola localmente il riferimento geografico e lo inserisce tra gli attributi della firma in modo da avere una geolocalizzazione sicura. Il documento digitale, così firmato, può essere inviato in conservazione, a tutela della sua immodificabilità e leggibilità nel tempo.
La genuinità del dato geografico è garantita dal fatto che, mediante un client, esso viene prelevato in modo criptato alla fonte (sensori device). L’operazione di geolocalizzazione avviene localmente all’interno del device, senza uso di collegamenti internet che potrebbero alterare la lettura delle coordinate (così come viene automaticamente chiusa qualsiasi altra app che stia dialogando con il sistema GPS del dispositivo). Inoltre, il dato rilevato viene ulteriormente verificato incrociandolo con l’angolo di triangolazione delle celle GSM.

“Tecnoinvestimenti conosce bene le esigenze delle imprese ed è costantemente impegnata a investire in innovativi progetti di ricerca e sviluppo per aiutarle ad affrontare la complessità, a migliorare in efficienza e competitività e a raggiungere rapidamente risultati di crescita concreti”, ha commentato Pier Andrea Chevallard, Amministratore Delegato del Gruppo Tecnoinvestimenti. “La firma georeferenziata, che permette di certificare il luogo in cui si firma, è un ulteriore tassello di quel sistema di certificazione digitale composto dalla firma digitale, dalla PEC, dalla marca temporale e dallo SPID, su cui InfoCert ha raggiunto posizioni di riconosciuta leadership in termini di affidabilità e fruibilità. Siamo convinti che il potenziale di sviluppo del tessuto imprenditoriale italiano passi dal digitale e progressi tecnologici come la firma georeferenziata sono per noi di stimolo e di conferma allo stesso tempo”.

“La trasformazione digitale delle aziende necessita di soluzioni che sappiano coniugare sicurezza, conformità alle norme, affidabilità e, non ultima, grande semplicità d’uso”, ha affermato Danilo Cattaneo, Amministratore Delegato di InfoCert. “Come da nostra tradizione, anche la Firma Digitale Georeferenziata si caratterizza per un utilizzo agevole ed estremamente intuitivo: l’operazione di creazione del documento digitale probatorio si svolge in pochissimi minuti e integralmente in modalità digitale. Ed è questo che caratterizza e distingue l’approccio di InfoCert all’innovazione e al servizio alla clientela”.

Innumerevoli gli ambiti di applicazione della firma georeferenziata. In campo assicurativo: in caso di sinistro, raccogliendo evidenze fotografiche, clienti o periti assicurativi potranno certificare data e luogo degli scatti, contribuendo alla prevenzione delle frodi. Oppure nel settore immobiliare: per attestare la presenza o le condizioni di edifici, terreni o locali in tempi e luoghi determinati.
E, ancora, per le Pubbliche amministrazioni che, analogamente, potranno impiegarla ai fini più diversi: dalla lotta all’abusivismo alla verifica dello stato di avanzamento di opere pubbliche e al conseguente controllo della relativa spesa.
D’altronde, la georeferenziazione è preziosa anche in qualsiasi forma di visita ispettiva – pubblica o privata che sia – grazie al rilevamento fotografico o video ‘certificato’ con cui attestare la situazione di strutture, il livello di manutenzione di macchinari o addirittura le condizioni sul posto di lavoro in un determinato luogo e momento. Utile in svariati casi di sopralluoghi e controlli in cantieri edili, luoghi di ristorazione o ospitalità, impianti industriali e così via, fino a qualsiasi altra realtà in cui sia fondamentale verificare o testimoniare la realizzazione di azioni o interventi remoti.
Anche il comparto dei Trasporti e delle Spedizioni può apprezzare i benefici derivanti dall’utilizzo di sistemi di georeferenziazione, ad esempio rendendo pienamente opponibile a terzi la prova di consegna di missive o plichi in un preciso luogo da parte di un corriere. E persino in ambito sanitario si aprono scenari interessanti, come per la reportistica certificata delle visite mediche di controllo, effettuate su richiesta dal datore di lavoro in caso di assenza per malattia di un dipendente, o per il controllo delle attività di operatori sanitari che devono erogare prestazioni domiciliari agli assistiti. E molto altro ancora.