L’arte della stampa del vetro

Tags: assistenza, case history, Dip Tech, stampanti, tecnologie

Dip Tech si affida a SafeNet per la protezione del software di gestione delle stampanti

Dip Tech, importante fornitore di sistemi per la stampa digitale a getto d’inchiostro nel settore del vetro, sviluppa, produce e commercializza stampanti inkjet e inchiostri ceramici a base di pigmenti organici, stemperati nel vetro e compatibili per applicazioni in interni ed esterni. Per continuare a mantenere il suo vantaggio competitivo Dip Tech avvertiva l’esigenza di proteggere l’esclusività del proprio software e del sistema operativo a gestione della stampante, si è così rivolta a SafeNet per la tutela del suo prezioso know how.

Antefatto

Prima del lancio della stampante Dip Tech GlassJet, le operazioni di stampa su vetro avvenivano con l’ausilio della serigrafia, un processo che comportava procedure di impostazione, pulizia, conservazione e bonifica. Per ogni lastra di vetro era necessario un retino separato per ciascun colore, dunque l’azienda non disponeva di un metodo molto efficace in termini di costi per i piccoli progetti o laddove il cliente richiedeva customizzazioni ad hoc. Le stampanti GlassJet di Dip Tech riproducono digitalmente i motivi più complessi su lastre di vetro multiple e di grande formato, per finestre o facciate di edifici. Tutti i colori vengono stampati in simultanea, e anche stampare su vetro di forma irregolare ora è molto più facile. L’inchiostro utilizzato si mantiene stabile alle alte temperature e viene stemperato nel vetro, a garanzia di design resistenti ai graffi e alle intemperie. Tutto questo permette di risparmiare tempo e denaro rispetto ai tradizionali metodi di stampa su vetro e di realizzare un prodotto di qualità superiore.

La protezione del codice sorgente

Proteggere l’alto valore delle stampanti e del software dal rischio di pirateria e reverse engineering è l’obiettivo che si è posta Dip Tech. All’indomani di una software house selection SafeNet si è aggiudicata il progetto offrendo ai clienti la possibilità di applicazioni prova, software scaricabili e un licensing basato sulle funzionalità richieste. La soluzione che SafeNet ha pensato per Dip Tech garantisce una protezione efficace, risparmi di tempo e risorse, un’ottimizzazione dei processi interni, in generale una migliore esperienza per il cliente.

La sfida del mercato

Poiché Dip Tech è la sola azienda del settore ad aver implementato la stampa digitale con inchiostri ceramici su stampanti inkjet, gode di un netto vantaggio competitivo. Il software riveste importanza critica, in quanto integra tutti gli altri componenti della stampante per garantirne la funzionalità. Tuttavia è anche la parte più facile da copiare. “Stiamo parlando di stampanti costose – spiega Dorit Regev, Direttore ricerca & sviluppo software di Dip Tech –, anche $550.000 cadauna. Volevamo dunque proteggere il nostro investimento dai tentativi di pirateria e tutelare il nostro vantaggio competitivo dallo spettro del reverse engineering. Era anche necessario maggiore controllo sugli aggiornamenti delle versioni”. Il software GlassJet doveva essere sicuro, ma lo stesso valeva per i tool di visualizzazione che preparano le ‘formule cromatiche’ del design per la stampante. Dip Tech voleva controllare l’elenco degli utenti, e inoltre disporre di un’opzione che permettesse ai clienti potenziali di usare il software in prova, prima di acquistarlo. L’azienda ricercava una soluzione che offrisse i massimi livelli di sicurezza, oltre a opzioni di software licensing flessibili e facilmente integrabili con i propri sistemi amministrativi. Grazie a precedenti esperienze maturate presso importanti realtà, il Direttore ricerca & sviluppo software di Dip Tech aveva già avuto modo di apprezzare i vantaggi di Sentinel Hasp.

L’implementazione

La connessione di Hasp al sistema Erp dell’azienda non ha presentato problematiche. Grazie all’assistenza del Team di SafeNet, Dip Tech ha potuto integrare la tecnologia nell’infrastruttura software nel giro di un mese circa. “Abbiamo avuto il miglior supporto in assoluto da SafeNet, in termini professionali e personali. L’implementazione è stata molto rapida ed efficiente, e tutto funziona alla perfezione”, commenta Dorit. Grazie a Safenet, ora il team servizio clienti di Dip Tech può rilasciare licenze basate sulle funzionalità tramite Internet, per un controllo facilitato degli aggiornamenti delle versioni e per seguire da vicino tutte le transazioni. Anzi, come conferma Dorit, “il nostro team servizio clienti è rimasto entusiasta di questo processo aggiornato”.

La soluzione

La conoscenza di Sentinel Hasp, unitamente alla sua flessibilità per il licensing e le opzioni di protezione delle chiavi, hanno reso SafeNet la scelta chiara per il cliente. Utilizzando dispositivi di protezione hardware e software, tutti gli obiettivi dell’azienda sono stati raggiunti. Le chiavi Sentinel Hasp HL sono state scelte grazie alla superiorità della protezione e alla portabilità. Ogni stampante è corredata di una chiave hardware Hasp HL, senza la quale non è in grado di funzionare. Hasp SL permette a Dip Tech di offrire in prova il software per l’elaborazione delle immagini. I clienti potenziali possono scaricare e installare con facilità il plug-in per Photoshop e creare i loro design. Questo plug-in separerà il file nella speciale tavolozza di colori di Dip Tech, a garanzia della compatibilità con la stampante GlassJet. Con l’acquisto, il periodo di 30 giorni di prova diviene una licenza perpetua completa. “Abbiamo avuto il miglior supporto in assoluto da SafeNet, in termini professionali e personali. L’implementazione è stata molto rapida ed efficiente, e tutto funziona alla perfezione” afferma Dorit.

I risultati

SafeNet riduce i tempi e le risorse interne che Dip Tech deve usare per le funzioni operative, come la creazione di licenze software, la generazione dei codici di attivazione e le comunicazioni e-mail con i clienti durante l’intero processo. Tutto viene automatizzato, riducendo gli errori umani e migliorando la complessiva esperienza per il cliente. L’offerta del software in prova e il licensing basato sulle funzionalità effettivamente richieste hanno incrementato il numero di nuovi clienti per Dip Tech. Il cliente apprezza la possibilità di provare il prodotto prima dell’acquisto e i prezzi vantaggiosi del licensing basato sulle singole funzionalità. Nel complesso, fornire il software per via telematica consente di risparmiare tempo e denaro in spese di spedizione, offrendo nel contempo un modo più comodo e immediato per consegnare i prodotti ai clienti. In futuro, Dip Tech intende aggiungere funzionalità alle chiavi hardware e utilizzarle per vari livelli di utenti e autorizzazioni. Inoltre, il reparto contabilità ha in programma di utilizzare l’opzione timer di Hasp per limitare l’uso da parte dei clienti con fatture scadute, fino all’avvenuto pagamento. “Sono certo che, ora che abbiamo implementato l’infrastruttura Hasp, grazie alla sua affidabilità e flessibilità sarà facile ampliarla in futuro”, conclude Dorit. Sentinel Hasp offre caratteristiche di protezione uniche per i prodotti delle software house. Una di queste è la possibilità di decidere la modalità di concessione della licenza. La licenza si presenta oggi sotto l’aspetto di un’applicazione hardware Usb di diversi formati o come un software con modalità di attivazione on line o tramite meccanismi di challenge response, un processo che permette alla licenza di legarsi direttamente alla macchina in cui viene installata. Questa è una delle funzionalità che rendono il prodotto unico: la software house utilizza un’unica soluzione di protezione, l’azienda cliente ha poi la possibilità di scegliere se usare la protezione hardware o quella software. Questa una delle particolarità che rendono il prodotto unico rispetto ai competitor, la possibilità cioè di racchiudere sotto un’unica soluzione sia la modalità di protezione hardware (chiavetta Usb) sia quella software. Un altro vantaggio è quello di iniziare a utilizzare Sentinel Hasp secondo una modalità di prova (trial) per 90 giorni. Si tratta comunque di una versione del prodotto standard, non di una versione ‘monca’ sviluppata apposta per l’applicazione di prova. 

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.