Olimpiadi dell’Automazione, la sinergia tra scuole e imprese

Tags: olimpiadi dell'automazione, raffaella menconi, Siemens, siemens sce

Contatto diretto tra scuole e imprese del territorio. Sinergie tra il mondo della formazione e l’Industria 4.0. Occasioni professionali per i giovani e idee innovative al servizio delle aziende. Sono questi alcuni dei punti di forza delle Olimpiadi dell’Automazione organizzate da Siemens Automation Cooperates with Education (SCE) e parte del Programma annuale di Promozione delle eccellenze del Miur.

Il concorso, che si è concluso a inizio maggio 2019, è giunto alla decima edizione nell’anno in cui ricorre anche un altro importante anniversario, quello dei 120 anni di storia di Siemens Italia. “Un’edizione sicuramente particolare per questa iniziativa in evoluzione, che sta crescendo anno dopo anno”, racconta Raffaella Menconi, Responsabile di Siemens SCE.

L’edizione 2019 ha visto la partecipazione di 52 scuole italiane (tra Istituti Tecnici e Professionali) e con un totale di 58 progetti in gara. “Si tratta di progetti reali, non solo di simulazione, che attraverso le potenzialità dell’informatica si avvicinano all’Industria 4.0”. Menconi sottolinea “il grande sforzo dei ragazzi, che si sono messi in gioco per arricchire il patrimonio di competenze delle aziende” e due punti chiave che fanno capire la concretezza dell’iniziativa: “Il primo è la contaminazione di esperienze, il secondo è l’integrazione tra imprese e scuole”.

Le aziende, infatti, hanno accompagnato i ragazzi delle scuole di tutta Italia nella realizzazione dei loro progetti, creando una sinergia tra giovani talenti e mondo imprenditoriale. Con l’obiettivo di fornire a studenti e docenti la possibilità di tradurre il proprio patrimonio di nozioni apprese sui banchi di scuola in esperienza professionale, attraverso l’opportunità del lavoro di gruppo, le Olimpiadi dell’Automazione si confermano così un valido supporto sia dal punto di vista della formazione del profilo degli studenti sia dal punto di vista dell’ampliamento delle conoscenze e dell’approfondimento di nuove tecnologie allo scopo di realizzare i vari progetti.

Le scuole del territorio italiano che hanno risposto alla sfida lanciata dalle Olimpiadi hanno realizzato e presentato progetti di automazione basati sulle ultime novità tecnologiche proposte da Siemens sul mercato, anche con il supporto delle aziende di settore locali. Una giuria costituita da esperti Siemens e dai rappresentanti delle principali associazioni di settore ha poi selezionato i vincitori, premiandoli con un riconoscimento tecnologico ed economico.

I progetti premiati

La cerimonia di premiazione ha visto sul gradino più alto del podio per la categoria “Senior” l’ITTS Carlo Grassi di Torino, che si è contraddistinto con il progetto CGM LTD Industries 4.0, realizzando una vera impresa 4.0, attiva nel campo della meccatronica, grazie al ricorso a diverse fra le tecnologie abilitanti il 4.0, ma anche alla completa simulazione di processi aziendali dal punto di vista gestionale e manageriale.

Il premio della categoria “Junior” è andato invece a pari merito all’ITI Ercolino Scalfaro di Catanzaro con il progetto Fred Color System, la schematizzazione di un sistema di deposito e di prelievo di materiale industriale e all’ITI P. Hensemberger di Monza Brianza, con il progetto Hensemberger Social 4.0, un sistema integrato in grado di distribuire medicinali specifici in condizioni di emergenza e in completa tutela della privacy.

Carattere di preferenza è stato invece riservato ai progetti che si sono contraddistinti per alcune speciali qualità, a prescindere dalle apparecchiature tecnologiche utilizzate: “Comunicazione”, “Diversity”, “Sostenibilità ambientale”. Un nuovo premio legato all’ambito sociale è in arrivo nell’edizione del 2020 e vedrà protagonisti i progetti che si contraddistinguono per il loro valore sociale.

new.siemens.com/it/it.html

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.