Transizione 5.0: 12 miliardi per l’aggiornamento tecnologico (green)

Nonostante l’assenza di riferimenti espliciti (fino a ora) nella bozza della legge di Bilancio, il Governo sembra orientato a incentivare e promuovere il piano di sviluppo economico che presto prenderà il nome di “Transizione 5.0”. Ad anticiparne i dettagli, in un’intervista a Il Sole 24Ore, è stato il Ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso, spiegando che il decreto che disciplinerà il piano sarà pubblicato a gennaio 2024. L’esponente dell’Esecutivo ha inoltre dichiarato che il prossimo biennio (2024-25) sarà decisivo, con l’impegno a prestare il massimo sforzo per sostenere il sistema produttivo nell’ammodernamento tecnologico: in particolare, saranno messi a disposizione 12 miliardi di euro per sostenere le imprese nella transizione ecologica e digitale (6,3 miliardi previsti dai fondi del programma RePower Eu per il biennio 2024-25 che si sommeranno ai 6,4 miliardi già stanziati per il Piano Transizione 4.0).

Il progetto del Governo è quindi in linea con il documento sottoscritto dalla Commissione europea, perché il Piano Transizione 5.0 “sosterrà la transizione energetica dei processi produttivi verso un modello di produzione efficiente dal punto di vista energetico, sostenibile e basato su fonti rinnovabili attraverso un regime di credito d’imposta”. Il modello integra, infatti, innovazione tecnologica, consapevolezza sociale e ambientale e si basa sui principi della ‘umanocentricità’, della sostenibilità e della resilienza (senza tralasciare l’automazione e la digitalizzazione).

Per favorire la ripresa degli investimenti, Urso ha anche annunciato riforme significative e la riduzione del tasso di interesse. In concreto, l’aliquota massima di incentivazione sarà del 40% (il doppio dell’incentivo attuale) e premierà chi certifica un risparmio energetico del 3-5%. Inoltre, il tetto massimo degli investimenti agevolabili salirà da 20 a 50 milioni di euro. La formazione sarà riammessa entro il 10% dell’investimento agevolabile. È nei piani governativi, infine, l’inclusione di nuovi ecobonus per le auto, che varieranno da 1.500 a 11mila euro, con maggiorazioni per chi rottama vetture più vecchie.

Puntando a sviluppare l’intera filiera nazionale, Urso ha poi evidenziato l’intenzione di supportare le tecnologie europee e italiane, prevedendo una disponibilità totale di 15 miliardi di euro per la crescita delle imprese, provenienti dal nuovo Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) e dalla legge di Bilancio.

Adolfo Urso, Industria 5.0, pnrr, Transizione green


Martina Midolo

Classe 1996, Martina Midolo scrive di cultura d’impresa e si occupa di social media. Per FabbricaFuturo conduce il podcast Storie dell’Italia che produce.

FabbricaFuturo è il progetto di comunicazione rivolto a tutti gli attori del mercato manifatturiero (responsabili delle direzioni tecniche, imprenditori e direzione generale, responsabili organizzazione e HR) che ha l’obiettivo di mettere a confronto le idee, raccontare casi di eccellenza e proporre soluzioni concrete per l’azienda manifatturiera di domani.

Nasce nel 2012 dalla rivista Sistemi&Impresa come reazione alla crisi finanziaria del 2011. Negli anni il progetto è cresciuto significativamente, parallelamente alla definizione di politiche pubbliche in ambito industria 4.0 (Piano Calenda e successivi).
Oggi FabbricaFuturo affronta i temi legati al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), per offrire alle aziende gli strumenti per affrontare le sfide nella fabbrica di domani.

Contatti

ESTE – Edizioni Scientifiche Tecniche Europee Srl

Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
P.IVA: 00729910158
TEL: 02 91 43 44 00

Per informazioni commerciali:
commerciale@este.it
Cookie Policy | Privacy Policy

Iscriviti alla Newsletter