Unione europea e finanziamenti, strategie per lo sviluppo industriale

Sviluppo_UE.jpg

In un mercato europeo, in cui la spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) cresce, si prepara un nuovo Quadro finanziario pluriennale (Qfp) 2021-2027, dove si prospetta un aumento delle risorse per ricerca e innovazione.

Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea (Ue), ha diffuso delle interessanti informazioni sulla R&S nell’Ue, dalle quali si evince che, nel 2017, gli Stati membri hanno speso complessivamente circa 320 miliardi di euro in R&S, riportando pertanto un incremento della corrispondente percentuale del Pil che dall’1,77% del 2007 è passata al 2,04% del 2016 e al 2,07% del 2017.

Sono le imprese commerciali a costituire il comparto in cui risultano maggiormente concentrate le spese in R&S, con una percentuale del 66% del totale erogato; seguono l’istruzione superiore (22%), il settore governativo (11%) e il no-profit (1%). I dati diffusi dall’Istat, relativamente alla R&S in Italia, si concentrano sulla spesa per la ricerca interna (cosiddetta intra-muros), ossia quella svolta da imprese, istituzioni pubbliche, istituzioni private no-profit e università con personale e attrezzature propri.

Si stima che in Italia, nel 2016, questa sia stata pari a 23,2 miliardi di euro (+4,6% rispetto al 2015), con un’incidenza sul Pil pari all’1,38% nel 2016 (in lieve crescita rispetto al 2015, in cui era all’1,34%). Si tratta di una spesa complessiva ripartita tra imprese (60,8%), università (24,2%) e istituzioni pubbliche (12,6%). Dato rilevante è quello per cui l’aumento più considerevole è nelle attività di sviluppo sperimentale in Italia, con un +15,6%, contro la ricerca di base e la ricerca applicata che vedono un calo dello 0,2%.

Il personale è la voce di costo – coinvolta nelle spese per R&S – che nel 2016 è cresciuta, attestandosi a 435.283 unità (+11,7% rispetto al 2015). Inoltre, soprattutto nelle imprese e nelle università, all’interno del personale, i ricercatori hanno visto un aumento del 6,6% (da 174.327 unità del 2015 a 185.916 nel 2016).

I dati attualmente disponibili in versione preliminare, relativamente al 2017, parlano di un aumento della spesa per R&S pari all’1,8% nelle imprese e nelle istituzioni pubbliche, mentre per il 2018 si è prospettato un aumento ulteriore, pari a circa il 3,4% in più sul 2017.

Sono le imprese a ricoprire il ruolo da protagonista in questi dati, visto che dal 2015 al 2018 è la spesa delle imprese ad aumentare del 9,3%, contro un dato relativo alle istituzioni pubbliche che vede una sostanziale stabilità e un calo, invece, da parte delle università (-1,0%) e delle istituzioni private no-profit (-18,6%).

La spesa totale proviene principalmente dal settore privato (imprese e istituzioni no-profit) per il 63,3%. A questo dato le imprese contribuiscono per il 60,8%, il 24,2% della spesa è sostenuto dalle università e il 12,6% dalle istituzioni pubbliche.

Aprendo una parentesi sulle fonti di finanziamento, la R&S vede, nel 2016, la provenienza dei finanziamenti nel settore privato, ossia imprese e no-profit (con il 54,1%, pari a 2,5 miliardi); il 35,2% della spesa è invece finanziato dalle istituzioni pubbliche (circa 8,2 miliardi) e il 9,8% da finanziatori stranieri (imprese, istituzioni pubbliche o università estere che contribuiscono per circa 2,3 miliardi).

La ricerca applicata risulta essere la principale voce di investimento nel 2016, con 10 miliardi di euro, pari al 43,3% della spesa complessiva. Segue lo sviluppo sperimentale con 7,7 miliardi di euro di spesa (33,4% del totale) e in coda la ricerca di base con circa 5,4 miliardi di euro di spesa (23,2%).

La spesa segna un aumento soprattutto nelle attività di sviluppo sperimentale (+3,2% rispetto al 2015), mentre nella ricerca di base e in quella applicata si evince una diminuzione, rispettivamente rappresentata da -1,1% e -2,1%. Un contesto così attualmente delineato definisce un fabbisogno chiaro su cui l’Ue sta disegnando la propria programmazione.

L’articolo integrale è pubblicato sul numero di novembre 2019 di Sistemi&Impresa.
Per informazioni sull’acquisto di copie e abbonamenti scrivi a daniela.bobbiese@este.it (tel. 02.91434400)

Quadro finanziario pluriennale 2021-2027, ricerca e sviluppo, sviluppo industriale, Unione europea

Fabbrica Futuro è un progetto di comunicazione multicanale supportato da un Comitato Scientifico composto da esperti ed accademici dei principali poli universitari italiani e rivolto a tutti gli attori del mercato manifatturiero, di qualsiasi settore, che ha l’obiettivo di mettere a confronto le idee, raccontare i casi di eccellenza e proporre soluzioni concrete per, come recita il sottotitolo del progetto, la media azienda manifatturiera di domani.

Il pubblico di riferimento di Fabbrica Futuro sono gli Imprenditori, la direzione generale, le direzioni tecniche (produzione, logistica, ricerca e sviluppo, ecc.), la direzione commerciale e marketing. Ed è a questo pubblico che noi ci rivolgiamo con una piattaforma multicanale costituita da uno spazio web, una rivista –Sistemi&Impresa – e un programma convegnistico sul territorio.

Contatti

ESTE – Edizioni Scientifiche Tecniche Europee Srl
Edizioni Este S.r.l.
Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
P.IVA: 00729910158 
TEL: 02 91 43 44 00 
FAX: 02 91 43 44 24



Per informazioni commerciali:
Roberto Di Santo: roberto.disanto@este.it
Cookie Policy | Privacy Policy