DigiLean Factory di Evoca Group: così si è trasformata la produzione

Un progetto “iniziato dal basso” che ha consentito la trasformazione del modello della fabbrica, proiettando l’azienda nel 4.0. È il DigiLean Factory del Gruppo Evoca, leader mondiale nella produzione di macchine professionali per il caffè e tra i principali operatori internazionali nei settori Ho.Re.Ca, Office Coffee System (OCS) – con prodotti per le grandi aziende, ma pure per le PMI – e distributori per gli spazi pubblici.

Il progetto di digitalizzazione è stato avviato nel 2016 e ha visto l’implementazione del Manufacturing Execution System (MES) e del Warehouse management system (WMS) nello stabilimento produttivo di Valbrembo in provincia di Bergamo, sede del gruppo. Ad affiancare Evoca è stata Replica Sistemi, da oltre 30 anni specializzata nello sviluppo di prodotti software per la gestione della logistica di magazzino e dei trasporti e nell’implementazione di ERP.

Gaetano Luciano, Supply Chain Manager è stato tra i relatori della tappa di Bologna di Fabbrica Futuro 2018, occasione durante la quale ha raccontato in esclusiva la nascita e lo sviluppo del progetto. “Abbiamo scelto di puntare al massimo coinvolgimento delle persone e per questo siamo partiti dall’ascolto degli operatori di linea”, ha spiegato il manager, evidenziando questo aspetto come la caratteristica “vincente” dell’iniziativa. D’altra parte Evoca è una realtà recente, ma con un lungo passato. Il Gruppo nasce dall’integrazione di due grandi realtà presenti da molto tempo nel mercato europeo del Vending: Necta e Wittenborg.

Una panoramica dei dati di Gruppo Evoca

Per l’italianissimo marchio Necta tutto ha inizio nel 1968, quando il Gruppo Zanussi decide di lanciare una gamma di macchine automatiche e dispenser caffè. Wittenborg, invece, è una società danese nata nel 1924, che ha sempre operato con successo nei Paesi del Nord Europa. L’unione delle due realtà crea, all’inizio degli Anni 2000, N&W Global Vending, il principale produttore di distributori automatici di bevande e snack a livello mondiale.

Nell’ultimo anno la società è cresciuta rapidamente: N&W ha completato una serie di operazioni altamente sinergiche alla sua missione, con l’acquisizione di Saeco Vending e le licenze dei noti marchi Saeco e Gaggia per l’uso nel mercato delle macchine da caffè professionali. A queste si sono aggiunte l’acquisizione di Ducale, azienda all’avanguardia nell’offerta di tecnologie premium per utenze di grandi dimensioni (luoghi di lavoro o locazioni pubbliche), e un accordo di joint venture con Cafection, il principale produttore di macchine da caffè in grani per il mercato OCS in Nord America.

Alla fine del 2017, a seguito di questa profonda trasformazione, N&W Global Vending Spa ha cambiato denominazione sociale in Evoca Spa e ha lanciato una nuova strategia internazionale di branding con focalizzazione nel mercato del caffè, finalizzata a rafforzare la sua posizione di leader nel settore delle macchine professionali per tutti i segmenti del caffè fuori casa: Vending, OCS e Ho.Re.Ca. I marchi condividono lo stesso focus sul caffè, l’identico utilizzo di tecnologie avanzate, la R&D all’avanguardia (il 5% del fatturato è investito in ricerca e sono circa 150 le persone che lavorano allo sviluppo di nuovi prodotti), un’ampia piattaforma di distribuzione e una vasta rete di vendita.

Forte di queste caratteristiche, il Gruppo Evoca è previsto che fatturi nel 2018 circa 480 milioni di euro (meno del 25% in Italia; il resto in circa 130 Paesi in tutto il mondo). Intanto conta oltre 600 brevetti, nove siti produttivi (ogni anno sono prodotte più di 300mila macchine), otto centri di ricerca e sviluppo, oltre 10mila clienti e 500 fornitori: l’83% dei ricavi è legato al caffè, mentre il restante 17% riguarda l’acquisto dei prodotti d’impulso (distributori di snack e bevande fredde).

L’articolo completo è pubblicato sul numero di Settembre 2018 di Sistemi&Impresa.
Per informazioni sull’acquisto di copie e abbonamenti scrivi a daniela.bobbiese@este.it (tel. 02.91434400)

evoca group, mes, Replica Sistemi


Dario Colombo

Dario Colombo, laureato in Scienze della Comunicazione e Sociologia presso l’Università degli Studi di Milano, è caporedattore della casa editrice Este. Giornalista professionista, ha maturato esperienze lavorative all’ufficio centrale del quotidiano online Lettera43.it dove si è occupato di Economia e Politica, e nell’ufficio stampa del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane.

Fabbrica Futuro è un progetto di comunicazione multicanale supportato da un Comitato Scientifico composto da esperti ed accademici dei principali poli universitari italiani e rivolto a tutti gli attori del mercato manifatturiero, di qualsiasi settore, che ha l’obiettivo di mettere a confronto le idee, raccontare i casi di eccellenza e proporre soluzioni concrete per, come recita il sottotitolo del progetto, la media azienda manifatturiera di domani.

Il pubblico di riferimento di Fabbrica Futuro sono gli Imprenditori, la direzione generale, le direzioni tecniche (produzione, logistica, ricerca e sviluppo, ecc.), la direzione commerciale e marketing. Ed è a questo pubblico che noi ci rivolgiamo con una piattaforma multicanale costituita da uno spazio web, una rivista –Sistemi&Impresa – e un programma convegnistico sul territorio.

Contatti

ESTE – Edizioni Scientifiche Tecniche Europee Srl
Edizioni Este S.r.l.
Via Cagliero, 23 - 20125 Milano
P.IVA: 00729910158 
TEL: 02 91 43 44 00 
FAX: 02 91 43 44 24



Per informazioni commerciali:
Roberto Di Santo: roberto.disanto@este.it
Cookie Policy | Privacy Policy